Parchi e riserve naturali

Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background

Il sistema delle aree protette lucane comprende due parchi nazionali (Pollino e Appennino Lucano), due parchi regionali (Murgia Materana e Gallipoli-Cognato e Piccole Dolomiti Lucane), diverse riserve regionali (Abetina di Laurenzana, Lago Laudemio, Lago Pantano di Pignola, San Giuliano, Bosco Pantano di Policoro, Lago Piccolo di Monticchio e Calanchi di Montalbano Ionico), più altre aree protette dello Stato, tra cui ricordiamo Bosco Rubbio (compresa nel Parco del Pollino), Monte Croccia nella foresta di Gallipoli-Cognato, la riserva forestale di protezione di Metaponto e Marinella-Stornara sulla costa ionica, quella di Grotticelle sul Vulture e dei Pisconi nei pressi di Filiano dove sono presenti pitture rupestri del mesolitico.  A queste si aggiungono diverse foreste demaniali regionali e numerosi Siti d’Importanza Comunitaria e Zone di Protezione Speciale facenti parte della Rete Natura 2000 e istituiti in base alle direttive europee “Habitat e Uccelli”, comprese sia in aree protette già istituite sia in zone non ancora tutelate.

 

Questo post è disponibile anche in: Inglese